Festival Internazionale dei Giardini 2012 – Domaine de Chaumont sur Loire

Il castello di Chaumont sur Loire (XV-XIX secolo), proprietà della Regione Centro, e il suo parco paesaggistico con i cedri secolari offrono uno spettacolare belvedere sulla Loira. Di proprietà della regina Caterina de’ Medici e successivamente di Diana di Poitiers, il castello vive un’intensa stagione di fermento intellettuale nei secoli XVIII e XIX allorchè la famiglia Le Ray di Chaumont vi accoglie lo scultore Giovanni Battista Nini, l’americano Benjamin Franklin e la scrittrice Madame Germaine de Staël. Il principe e la principessa de Broglie furono gli ultimi proprietari privati del castello. Il Domaine de Chaumont è il primo Centro d’Arte e Natura interamente dedicato alla relazione tra la cultura e la natura, la creazione artistica e l’estro paesaggistico, il patrimonio culturale e la contemporaneità.

Scuderie

Le scuderie furono edificate nel 1877 da Paul-Ernest Sanson, architetto del principe e della principessa de Broglie. Alla fine del XIX secolo venivano considerate le più lussuose e moderne d’Europa; la selleria ospita dei sontuosi e celebri finimenti creati dalla maison Hermès.

Parco paesaggistico

Chaumont, fortezza trasformata a poco a poco in residenza signorile, non aveva un giardino nel XVI secolo. Nel XIX secolo, il conte d’Aramon fece piantare numerosi alberi, soprattutto cedri. Ma fu il principe de Broglie a creare il parco panoramico, in stile inglese, con il paesaggista Henri Duchêne.

Dal 1992 il Domaine de Chaumont ospita il celebre Festival Internazionale dei giardini. Nel 2012, per i 20 anni del Festival, la tenuta si amplia con Les Prés du Goualoup, luogo di creazione di nuovi giardini perenni progressivamente sistemati nel parco con l’allestimento degli appezzamenti di 1000 m2 disegnati da Louis Benech.

Nelle foto della gallery dedicata troverete dapprima quelle sullo splendido orto, la prima zona che si incontra entrando dall’ingresso sud, molto didattico in quanto tutte le specie presenti possiedono ognuna il proprio cartellino descrittivo. Dopodichè ho messo alcune vedute del castello e dei particolari che mi hanno colpito di questa edizione 2012 del festival (Giardini di delizie, Giardini di deliri), spero che le immagini riescano ad esprimere la bellezza che si incontra in questo luogo. Infine una immagine di una delle installazioni che si trovano nel parco, le “jardin de sorgho” di Michel Blazy, artista contemporaneo che sviluppa opere organiche.

Domaine de Chaumont sur Loire 2012
PROGETTO ARTISTICO – La scopa è l’appannaggio non solo delle streghe ma anche delle casalinghe per le quali rappresenta un oggetto insignificante della vita quotidiana. Fatta di legno e di paglia, occorre interrogarsi su come questo frammento di natura sradicato dalle praterie riesce a trovare posto nelle nostre case? Michel Blazy restituisce a questo utensile casalingo il suo ipotetico stato naturale conficcando, nel Domaine di Chaumont sur Loire, un centinaio di scope che sembrano spuntare dal nulla. Sulla loro sommità di paglia, germogliano i semi di sorgo che crescono e dialogano con i giganteschi fiori artificiali ricoperti di muschio che cresce in un bacino ombreggiato situato a pochi passi di distanza. Tutto questo fermento vegetale costeggia i cespugli dell’orto attiguo. Lasciata in balia di un processo naturale di germinazione, l’opera evolve e si trasforma durante tutto il tempo dell’esposizione secondo un “lasciare vivere” molto caro a Michel Blazy. Crescendo, i germogli ridanno vita alle scope. Ecco come il sorgo ridiventa giardino.

Fonti:

  • Brochure ‘Centro d’arte e natura di Chaumont sur Loire’ consegnataci con il biglietto d’ingresso
  • Cartellini descrittivi presenti nell’orto
  • Enciclopedia di piante e fiori. The Royal Horticultural Society, 2008
  • http://www.domaine-chaumont.fr/index-it.php

[banner border=”DE4BC6″ link=”9C1A7D” corners=”rc:10″]

 

2 comments on “Festival Internazionale dei Giardini 2012 – Domaine de Chaumont sur Loire

  1. Merci pour cette article , instructif

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *