Giardino Botanico Alpino di Pietra Corva – Pavia

Il giardino botanico alpino di Pietra Corva è stato aperto al pubblico nel 1967, dopo circa 7 anni di realizzazione ad opera del dott. Antonio Ridella e del giardiniere Cesare Soffritti. Da qui in poi un gruppo di amici si affiancò ai fondatori, nella gestione, valorizzazione  e potenziamento della struttura. Il giardino fa oggi parte dell’A.I.G.B.A. (Associazione Internazionale dei Giardini Botanici Alpini), un organismo internazionale che ha come scopo principale lo studio, la difesa e la conservazione della flora e della biodiversità alpina ed appenninica. Nel giardino sono presenti circa 1200 specie, ubicate prevalentemente secondo esigenze ecologiche o secondo raggruppamenti sistematici o geografici. E’ presente uno stagno, il quale ospita la ninfea bianca (Nymhaea alba), il trifoglione d’acqua (Menyanthes trifoliata), il ranuncolo delle canne (Ranunculus lingua) e la sagittaria (Sagittaria latifolia). Nella zona limitrofa si trovano anche alcune rare orchidee tipiche dei suoli palustri, Epipactis palustris e Dactylorhiza incarnata. Ci sono poi numerose piante dalla fioritura precoce, che iniziano a sbocciare quando la neve non è ancora del tutto scomparsa, una raccolta di sassifraghe, e alcune orchidee spontanee. Parte del giardino è costituito da bosco misto e faggeta, che ospitano faggi, aceri, carpini, castagni, sorbi, peri, ciliegi, noccioli, biancospini, larici e pini. Nei vari settori del giardino le specie presenti rappresentano sia la flora tipica del nostro paese, che quella di altre parti del mondo, come i Pirenei, le Ande, il nord America. 

Questo interessante giardino botanico si trova nel comune di Romagnese, in provincia di Pavia, a circa 950 metri di altitudine. Facilmente raggiungibile in auto, offre una bella passeggiata al fresco soprattutto nei mesi estivi, anche se le fioriture più spettacolari si possono ammirare soprattutto nel periodo primaverile. Ci ritornerò in aprile credo, all’apertura per il 2014, quando avremo ancora qualche cumulo di neve per strada forse, quantomeno a 950 metri, per godere delle fioriture di crochi e bucaneve, per catturare la natura che si risveglia.

Fritillaria montata
Fritillaria montata – Specie simbolo del giardino

Fonti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *