Libri

 

Green Books

Green Books

Dai diamanti non nasce niente - Storie di vita e di giardini

Il primo dei green books di cui parlo è di Serena Dandini, “Dai diamanti non nasce niente – Storie di vita e di giardini” edito da Rizzoli nel 2011. Un libro appassionato, al punto che ho potuto divorarlo nell’arco di un pugno di ore, in una giornata in cui ho accompagnato la mia fantastica nonna in ospedale per una delle tante “revisioni” alle sue povere articolazioni. L’autrice, presentatrice e ideatrice di programmi televisivi è, con questo libro, al suo esordio letterario, e l’ha reso un successo parlando della sua grande passione per piante e giardini. Confessa di passare molto tempo a caccia di piante che acquista in ogni dove per portarle nel suo giardino romano, descritto e fotografato per il numero di Gardenia di giugno 2011 (n. 326). Il libro offre anche tantissimi spunti per l’approfondimento, una buona lettura verde!


Manuale del perfetto cercatore d'alberi

Manuale del perfetto cercatore d’alberi, di Tiziano Fratus. Un libro cui sono arrivata per caso mentre stavo cercando notizie su di un castagno secolare presente a Bioglio, il mio paese d’origine, ed ecco che trovo, tra gli altri, questo libro. E mi accorgo che l’autore è tra i link dei miei siti da-studiare-perchè-potrebbero-avere-spunti-molto-interessanti, e con un click la lista si infittisce, e in più non viene vagliata con la dovuta frequenza. E’ stato così che ho conosciuto il curioso mestiere dell’uomo radice, il cercatore di alberi. Ho visitato e visito regolarmente il sito (http://homoradixnew.wordpress.com/) e quello che incuriosisce maggiormente credo sia la capacità di aver trasformato in un mestiere una grande passione. Quest’uomo fa il cercatore di alberi!!! E grazie al suo lavoro specie arboree di pregio vengono scoperte, valorizzate e protette. Un libro molto interessante perchè esplora il fantastico mondo delle alberature più alte del mondo e più antiche. Il primo che leggo, ma non mi farò mancare gli altri di questo curioso autore che, tra le altre cose, organizza passeggiate per cercatori di alberi. Nel suo sito si trovano tutte le indicazioni riguardanti le escursioni ed anche sul profilo facebook.


La pazienza del giardiniere

La pazienza del giardiniere, di Paolo Pejrone. Architetto paesaggista di fama mondiale, in questo libro parla del suo splendido giardino nel Saluzzase e della dote fondamentale che un buon giardiniere deve avere per poter godere appieno del frutto del suo lavoro, la pazienza. Ebbene, io non sono paziente. Leggere mi può aiutare a stare lontana dalle mie piante, che ho sistemato in enormi vasi (non avendo altra scelta), in modo da poterle lasciar crescere in tranquillità, senza comprarne di nuove perchè non ho pazienza di aspettare che un arbusto diventi sufficientemente bello o che la salvia diventi sufficientemente grande per essere ammirata con soddisfazione. Grazie a questo libro ho messo a fuoco che la pazienza è veramente il segreto. Quest’anno non ho comperato piante nuove, non ho eliminato nessun elemento dai miei vasi. Soltanto cure e buona acqua. Ebbene, rosmarino fantastico, salvia enorme, una photinia bellissima, clematis e rose e calendule e lavanda… Pochi fiori colorati in ogni stagione effettivamente, tulipani in primavera, le calendule e le rose in estate, ancora poche rispetto al verde, ma l’anno prossimo l’equilibrio sarà perfetto. Le rose cresceranno, la clematis diventerà più grande, le calendule si moltiplicheranno…

Il libro oltre ad essere molto interessante è anche estremamente didattico.

 


Testamento di un giardiniere

Testamento di un giardiniere, di Gertrude Jekyll. Esponente di spicco dell’architettura del paesaggio, Gertrude Jekyll è famosa per la bordura mista all’inglese. Questo libro è una raccolta di articoli che l’autrice scrisse per varie riviste e di annotazioni. Non è un libro da leggere, è un libro da studiare, che non può mancare sugli scaffali di chi ama il giardino e la sua storia.


DSC_0001 a (6)-Modifica-6

Enciclopedia di Piante e Fiori della Royal Horticultural Societya cura di Christopher Brickell. Un testo fondamentale per gli appassionati di piante e fiori. Un manuale di riferimento che contiene un totale di circa 8000 piante, la metà delle quali all’interno della prima sezione, il catalogo delle piante, con una foto della specie. Organizzato in maniera eccellente è perfetto per avere suggerimenti sugli accostamenti di colore e sulle scelta delle piante. L’ultima edizione è del 2008, ma il sito della RHS si è ampiamente sviluppato con tantissime sezioni utili per l’approfondimento, anch’esso uno strumento fondamentale per chi vuole studiare le piante o imparare a riconoscerle (Royal Horticultural Society).


DSC_0001 a (7)-Modifica-7

Alberi: conoscere e riconoscere tutte le specie più diffuse di alberi spontanei e ornamentali, e Erbe: conoscere, riconoscere e utilizzare erbe, arbusti, alberi e le loro proprietà gastronomiche e medicinali, editi da DeAgostini. Una collana di manuali molto utili, con schede di riconoscimento, fotografie e disegni a colori. Per quanto riguarda il volume sugli alberi, l’impostazione generale della scheda che descrive la specie è molto ben fatta, le illustrazioni ed i particolari sono molto utili per affrontare il riconoscimento delle piante. Per quanto riguarda il volume sulle erbe, l’aggiunta degli usi gastronomici rende questo libro estremamente interessante. Una collana di volumi molto utile, sebbene non esaustiva rispetto agli argomenti trattati, ha un grande potenziale come punto di partenza per affrontare il riconoscimento di alberi ed erbe e per scoprirne l’uso in cucina.


DSC_0001 a (9)-Modifica-9

Enciclopedia del giardinaggio, edito da DIX. Questo libro l’ho trovato ad un prezzo stracciato in una bancarella durante una fiera floro-vivaistica, anche se adesso non ricordo quale. Prezzo basso, edizione del 2009, prima edizione del 2006. Un libro che mi ha incuriosito perchè ricco di spunti di ogni tipo, dall’idea per fare un viottolo ai consigli per propagare le piante. Ho pensato che mi sarebbe stato molto utile come guida per i lavoretti che faccio nel mio piccolo e caotico giardino. E così è stato. Un buon libro per il fai da te. Un’enciclopedia del giardinaggio, per noi che amiamo le piante, ci vuole sui nostri scaffali. Un’ottima enciclopedia del giardinaggio è edita anche dalla Royal Horticultural Society (Enciclopedia del giardinaggio. Guida completa alle tecniche del giardinaggio).


DSC_0001 a (8)-Modifica-8

Balconi e terrazzi da sogno. Tante idee per avere piante meravigliose in ogni stagione, edito da Red. Una vasta selezione di suggerimenti per rendere colorati, vivi e accoglienti i nostri balconi e le nostre terrazze. Diviso in base alle stagioni e alle tonalità di colore, offre anche qualche suggerimento per la coltivazione in vaso. Si trovano tantissime idee per gli accostamenti sia di colore che di portamento delle piante. Ottimo strumento per un po’ di garden design!

 


DSC_0001 a (10)-Modifica-10

1000 idee per il giardino, edizioni Logos. Questo è stato uno dei primi libri che ho acquistato quando iniziai, anni fa, ad approfondire gli argomenti di garden design. Ed è tutt’ora uno dei miei libri preferiti, pochissime parole ma una miriade di immagini. Parterre, bordure, vasi, mattonelle, sentieri, statue, pietre e molto altro. Una meraviglia per gli occhi ed una fonte inesauribile di suggerimenti per la progettazione del verde.

 

Hoepli

 

 

 


 

DSC_0001 a (1)-Modifica-1

Giverny – Le jardin de Claude Monet. Ho acquistato questo libro durante un viaggio a Parigi, ed un paio di anni dopo ho deciso di fare una gitarella a Giverny, le immagini presenti in questo libro sono una favola e mi hanno convinta a partire. Un giardino che merita di essere visto per lo splendido lago circondato da salici e altre alberature molto coreografiche, e per il glicine che sovrasta un ponticello veramente grazioso. Un bellissimo angolo di Francia. Un bel libro che descrive ampiamente il famoso giardino in cui Monet ha trascorso parecchio tempo e da cui ha tratto ispirazione per i suoi quadri. Oltre al giardino sono presenti anche delle immagini della casa, che è visitabile ed è veramente un gioiello, un trionfo di colori e di luce che affaccia sul giardino dalla maggior parte delle stanze. Parlo di questo bel giro in un post qui nel sito (Giverny).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *